Witless Q&A di nateybytheway su Kulture Galerie ~ Discosafari
17564
post-template-default,single,single-post,postid-17564,single-format-standard,bridge-core-3.0.8,qi-blocks-1.2.6,qodef-gutenberg--no-touch,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-29.8.1,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,bridge-child,wpb-js-composer js-comp-ver-6.10.0,vc_responsive

Witless Q&A di nateybytheway su Kulture Galerie

Witless Q&A di nateybytheway su Kulture Galerie

DISCOSAFARI PICKS:
“Witless Q&A” by natebytheway su Kulture Galerie

(release date: 23 feb 2024)

natebytheway pubblica il suo nuovo EP “Witless Q&A” tramite la label Kulture Galerie diretta da Filippo MSM. In uscita questo febbraio, comprende cinque brani originali.

natebytheway è un produttore e DJ emergente con sede a Berlino che pubblica dinamici brani da dancefloor autoprodotti sul suo bandcamp. Il ritorno alla Kulture Galerie arriva dopo il suo contributo alla compilation NFTS 999 dell’etichetta e dopo un singolo sulla label di Gene On Earth.

L’EP di Natebytheway su Kulture Galerie offre una interessante esplorazione sonora delle attuali visioni Techno / House.  Mentre l’EP è orientato a coprire una vasta gamma emozionale, la diversa variazione dello stile di produzione di Nate aggiunge un tocco rinfrescante senza sembrare forzato. La capacità dell’artista di fondere perfettamente questi elementi contribuisce alla coesione complessiva del progetto.

Già dalla traccia di apertura colpisce in modo accattivante la produzione meticolosa: l’ascoltatore entra subito in un’esperienza coinvolgente. “varoom”è un viaggio tortuoso attraverso una fusione di nervosi squelch acidi, riff risonanti, batteria nitida e voci basse.

Segue “pleaseordermefries”, che abbraccia un’estetica deep house più classica con accordi scintillanti, texture eteree dei pad, canti vocali ipnotici e batteria pesantemente oscillata prima che “kennywho” vaghi lungo il percorso unico dell’hip house con archi deformati, sottotitoli pulsanti e linee vocali hip hop e percussioni scattanti ovunque.

“cloudaddict” poi ritorna in regni sognanti con atmosfere morbide e torbide e voci sussurrate che galleggiano su ritmi modulanti e note di basso serpeggianti.

“didyouwant” finalmente completa il pacchetto, spostando completamente l’interruttore su brillanti tasti vintage, un groove di basso irregolare, riff robotici di synth e batteria da discoteca saturata.

Nel complesso si tratta di un EP ben realizzato, che trova un equilibrio tra sperimentazione e accessibilità, rendendolo un’aggiunta degna di nota al catalogo di Kulture Galerie!

LEGGI ANCHE
NEWSLETTER

Nuova musica, artisti di tutto il mondo ed eventi da non perdere!

Intuit Mailchimp



SEGUI DISCOSAFARI SU INSTAGRAM!